Ecco l’intervento di Simone Migliorati, esonerato dalla guida del San Lorenzo Lerchi, dopo il ko nella trasferta di Padule. Ovviamente siamo a disposizione, come portale, per successive prese di posizione anche da parte della stessa società

“Il mio esonero… una mancanza di stile. Ho aspettato qualche giorno prima di esprimere il mio pensiero riguardo il mio esonero , ma viste tutte le chiamate ricevute da amici, colleghi e dirigenti mi sembra doveroso fare il punto della situazione.
Certamente può succedere di essere rimossi dalla guida tecnica di una squadra, ma stavolta quanto accaduto è apparso strano a chi ha letto la notizia.
Il San Lorenzo Lerchi si trovava al primo posto e dopo la sconfitta di Padule è passato al secondo posto, dopo 11 risultati utili consecutivi e i 30 punti ottenuti.
Ma la cosa che mi lascia basito è nello stile che ha avuto la società San Lorenzo Lerchi nel prendere prima e nel comunicare poi questa decisione al sottoscritto, visto che pensavo di conoscere molto bene i modi che la contraddistinguevano alla luce dei miei recenti trascorsi, con tre stagioni in promozione.
Ma utilizzare il passato è diventato d’obbligo.
“Forse” le cose sono cambiate a livello societario, forse lo stile che caratterizzava questa società paesana dai sani principi sportivi si è perso nell’affannosa ricerca degli agognati salti di categoria.
Fino a 24 ore prima la dirigenza del San Lorenzo Lerchi confermava con enfasi verbale alla squadra, al mister e allo staff la massima fiducia.
Non si sa esattamente cosa sia poi successo, ma di certo non mi è stato chiesto nessun confronto con lo staff , e la comunicazione della decisione presa dai dirigenti è passata attraverso un messaggio di Whatsapp da chi era delegato a provvedere, la stessa forma di comunicazione con la quale ci si dà un appuntamento per un aperitivo o con la quale si scherza tra adolescenti, una forma di comunicazione senza sostanza per certe circostanze, senza stile.
Una decisione quella presa arrivata in questo modo dalla stessa società che fino ad oggi vantava di non aver mai esonerato un allenatore, nemmeno a rischio di retrocessione.
Di certo le cose sono cambiate, l’ambizione incondizionata ha preso il sopravvento e causando una vera caduta di stile che va al dì la dei migliori risultati sportivi che il San Lorenzo Lerchi potrà ottenere.
Esco dal palcoscenico con la consapevolezza di aver fatto del mio meglio (questo lo dicono i numeri) in modo serio e professionale , con l’amarezza di non aver potuto lottare fino alla fine per la vittoria finale , ma il pensare di vincere facile con gli avversari non mi appartiene e nel calcio si vince con i fatti e non con i proclami e quindi avanti il prossimo.
Ad ogni modo faccio un grosso in bocca al lupo al gruppo dei giocatori che ho avuto il piacere di allenare, augurando loro il meglio.

Simone Migliorati

Post correlati